Visit Aquileia

Qui puoi respirare e vivere la grande storia aquileiese, che non comincia e non finisce con quella di Aquileia colonia romana. 

Non comincia perché, come scrivono gli storici latini – in particolare riferendosi alle guerre puniche contro Annibale ed i Cartaginesi – e come confermano recenti ritrovamenti archeologici, Aquileia esisteva prima dell’arrivo dei Romani e, quindi , non è stata fondata da loro, bensì colonizzata. 

I Romani arrivano qui, perché Aquileia era già un centro commerciale di primaria importanza dove si incontravano genti, lingue e culture e si scambiavano merci, prodotti e manufatti provenienti da Gallia, Istria, Illiria, Norico, Baltico, Grecia, Asia Minore, Medioriente e Africa. Per secoli, se non per millenni, dunque Aquileia è stata il crocevia naturale per scambi commerciali e rapporti culturali fra le civiltà europee, in particolare fra quelle baltiche, balcaniche e danubiane e quelle greche ed adriatiche, in generale fra quelle continentali e quelle mediterranee, nord-africane e medio-orientali. 

Ciò grazie alla conformazione idro-orografica del suo territorio, in molti punti situato al di sotto del livello del mare, per cui le imbarcazioni dell’epoca potevano arrivare facilmente e tranquillamente alla terra ferma attraverso le idrovie naturali di una piatta laguna e di placidi fiumi di risorgiva (ruolo che poi sarebbe stato assunto da Venezia, caratterizzata dalla medesima conformazione idro-orografica e per essere storicamente figlia di Aquileia…).
Certo è che con il periodo romano il porto di Aquileia conosce uno sviluppo che fa divenire la città una delle più importanti metropoli della storia romana. 

Ma la storia di questa città non finisce con la decadenza dell’impero romano, perché Aquileia svolgerà un ruolo determinante nella diffusione del cristianesimo e nella concezione e creazione della cultura europea attraverso il suo Patriarcato (per secoli la più grande diocesi cristiana d’Europa, che spaziò dal lago di Como al Balaton sul territorio delle genti che oggi vengono chiamate Mitteleuropee) e per l’operato di alcuni suoi figli (Paolo Diacono e Paolino d’Aquileia in primis), fra gli ispiratori e gli ideatori del concetto di Europa.

Museo Archeologico di Aquileia

"Il Museo fu aperto nell'attuale edificio nel 1882. Bello l'ingresso ombreggiato di glicini, simpaticamente simile a un portico romano e bello il parco-giardino ... "
(G. Brusin, Aquileia e Grado. Guida storico-artistica, Padova 1955, p. 123)

www.museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it

Polo Museale

L’obiettivo del polo museale regionale è quello di ottimizzare il ricco e articolato patrimonio museale del territorio, programmando e coordinando le attività di promozione e di valorizzazione dei musei aderenti alla rete stessa garantendo così all’utenza una migliore offerta culturale. Accedi al Sito cliccando il banner presente su questa pagina: avrai la possibilità di pianificare la tua vacanza culturale, con base ad Aquileia, alla scoperta dei più importanti musei della regione Friuli Venezia Giulia.

Aquileia...

1915-1918 La Grande Guerra

Aquileia, patrimonio dell'UNESCO, è uno dei luoghi di maggior interesse e importanza nella storia del Friuli Venezia Giulia nonchè d'Italia.
Durante l'Impero Romano, colonia e porto, Aquileia fu una delle città di riferimento del primo cristianesimo divenendo, in seguito, sede del Patriarcato.
Aquileia è, indubbiamente, perla da scoprire anche per la Sua importanza nel corso della Grande Guerra. Fu una delle prime città italiane ad entrare in guerra poiché facente parte del territorio austriaco.
Nell'estate del 1914, ad Aquileia, già si combatteva.
Nel centenario dell'inizio della Prima Guerra Mondiale, La Grande Guerra, Aquileia diventa, perciò, tappa obbligata per il visitatore affamato di Storia e cultura.

Cimitero degli Eroi

Ad Aquileia, La grande Guerra, inizio prima che nelle altri parti d'Italia. La nostra cittadina era, allora, in territorio austriaco. Nell'estate del 1914, Aquileia, era già in guerra.
I primi bersaglieri arrivarono ad Aquileia alla fine del maggio 1915. Aquileia, divenne così, una delle retrovie sul fronte carsico e in questo cimitero iniziarono ad essere tumulati i primi caduti.
Il Cimitero Militare dei Caduti di Aquileia si sviluppa dietro il campanile e attorno all’abside della storica Basilica della città.E' un luogo intimo e riservato, solenne ed intenso. Vi sono raccolte 214 salme dei primi caduti nel 1915, appunto, sistemate in tombe individuali, alcune sormontate da artistici monumenti in pietra e da croci in ferro e bronzo.
Il cimitero militare è uno dei luoghi di maggior interesse e rilievo in assoluto della storia del Friuli Venezia Giulia e dell'Italia.

Diverse, sono, le opere monumentali presenti nel cimitero degli Eroi. Val la pena menzionare l'arcosolio (un sarcofago inserito in una nicchia) contenente i corpi dei 10 militi ignoti tumulati in loco il 4 novembre 1921 e ai suoi piedi la tomba di Maria Bergamas, la madre cui tocco scegliere il feretro del soldato senza nome traslato all'Altare della Patria.
L'emozione pervade lo spirito al cimitero degli Eroi di Aquileia. La scultura di Edmondo Furlan "Il Sacrificio", raffigurante Gesù Cristo in croce che conforta due fanti morenti, e "L'Angelo della Carità" di Ettore Ximenes invitano il visitatore ad una profonda riflessione sul dramma della Guerra.

Orari
Da marzo a settembre: 09.00-19.00
Ottobre: 09.00-18.00
Da novembre a febbraio: 09.00-17.00

I luoghi del del Friuli Venezia Giulia

Grado, l'isola del Sole, importante centro turistico-termale. Di interesse: la laguna con i "Casoni", l'isola di Barbana, la Basilica di Sant'Eufemia e Battistero e la Basilica di Santa Maria delle Grazie. L'isola di Grado offre chilometri di spiagge sabbiose orientate a Sud e una vasta pineta. Ottime le piste ciclabili per raggiungerla.

Il Collio, territorio in provincia di Gorizia. Famoso per i suoi vini cui è assegnata la DOC "Collio Goriziano".
Da poco è ripresa anche la coltura dell'olivo. Località di interesse: San Floriano del Collio, Dolegna del Collio, Capriva del Friuli, Cormons.

Hotel Patriarchi

Via G.Augusta, 12 - 33051 Aquileia (Ud) - Italy

Tel. +39 (0)431 919595 - 91036  - fax +39 (0)431 919596

E-Mail : info@hotelpatriarchi.it

Ai Cjastinars

Borgo Pacco, 1 - 33059 Villa Vicentina (Ud) - Italy

tel. +39 (0)431 970282 - fax +39 (0)431 969037

E-Mail : info@hotelcjastinars.it

Locanda Aquila Nera

Piazza Garibaldi, 5 - Aquileia (UD) - Italy

tel./fax +39 (0)431 91045

E-Mail : info@hotelaquilanera.com

Bar Cjapitul

Piazza Capitolo - numero 9 - Aquileia (UD) - Italy

E-Mail : info@visitaquileia.com

MA INVEST SAS

VIA GIULIA AUGUSTA 12 - 33051 AQUILEIA (UD) - Italy tel. +39 (0)431 919595 - 91036 - fax +39 (0)431 919596
E-Mail : info@hotelpatriarchi.it - Partita I.V.A: 01472330305 -  Privacy Policy - Cookie Policy